L’impronta lasciata da un incontro| di Roberta Marsigli

 Relazione sulla residenza di Gaetano De Crecchio

Roberta l’artista residente dello scorso anno al CsfAdams passa il testimone a Gaetano.

Chi lavora con l’arte e la progettazione artistica sa che le residenze (almeno al CsfAdams), non possono esaurirsi in pochi mesi ed è cosi che Roberta Marsigli si ritrova spesso con Gaetano De Crecchio .

Si troveranno ancora  insieme all’undicesima edizione del Praga Photo 

 

    …

“Qualche tempo fa con Gaetano De Crecchio,   un workshop forse inusuale all’interno di una scuola di fotografia. Ma senza dubbio un’esperienza interessante, di grande valore, e non solo per quello che era il fine ultimo di questo workshop: la costruzione di un libro.Più precisamente, la costruzione di un libro attraverso il recupero dei materiali.

Ed il recupero di noi stessi, aggiungo.

Pinhole di Gaetano De Crecchio

Sì, perché è necessario riprenderci per mano per non rimanere impantanati nell’immobilismo frenetico, perdonate l’ossimoro, della nostra vita quotidiana.

Dedicarsi alla lentezza, usare le proprie mani ed il proprio ingegno per tirar fuori un piccolo prodotto artigianale; in questo workshop ne abbiamo avuto la possibilità, utilizzando cartoni, stoffe, colla e taglierini.

Ma non solo… la materia prima che sopra ogni cosa è stata utilizzata è la sapienza di Gaetano, un uomo che conserva la conoscenza come gemme preziose, che rende sue le antiche tecniche, le riproduce con materie povere e le condivide; questo è estremamente importante, non è così scontato condividere la propria conoscenza e i propri “trucchi”, molto diffuso è il pensiero che ogni cosa debba portare esclusivamente il proprio marchio sopra, tenendo per sé competenze e l’esclusività che rappresentano, lui invece ti regala tutto, ti mostra nei minimi particolari come realizza i libri, quali mezzi utilizza, quali sono gli escamotage acquisiti col tempo e la sperimentazione per essere creativi, precisi ma anche veloci.

Con sguardo quieto e mani leggere ci ha immerso in una piccola bolla fuori dal tempo, dove abbiamo trovato posto non solo per lo studio puro e semplice, ma per un’esperienza completa, fatta certamente di rilegature, assemblaggio di pagine e copertine, scampoli e ritagli di carta ammonticchiati sotto le sedie, ma anche chiacchiere, scambi su cinema e libri, umorismo pungente, parecchie risate e pochi disastri in fin dei conti… un bel momento di condivisione.

Gaetano, grazie! Non solo per le belle cose che ci hai mostrato, grazie perché è raro incontrare unicità come la tua.

Roberta Marsigli.”

 

 

 

Annunci