RITRAENDO lavori fotografici degli allievi del corso di ritratto

“Non iscoprire se libertà t’è cara ché lo volto mio è charciere d’amore.”
Leonardo da Vinci

Della sua fortunata attività di ritrattista, Leonardo da Vinci disse: “Non si dipingono caratteri fisici, si dipinge ciò che è nella mente”.
Quattrocento anni dopo, Paul L. Anderson scrisse nel suo volume sull’arte della fotografia The Fine Art of Photography (1919) “…il miglior ritrattista è colui che unisce in sé al massimo grado la capacità di comprendere il carattere del soggetto, la conoscenza degli effetti di luce e ombra e la padronanza delle tecniche da usare.
È necessario di conseguenza che nessuno trascuri l’importanza dello studio.”
La mostra fotografica presentata dal Centro Sperimentale di Fotografia ha come titolo Ritraendo.
È una mostra concepita e realizzata all’interno di un progetto didattico che ha visto protagonisti gli studenti del Corso di Ritratto nell’anno 2015 del C.S.F. adams.
In questa esposizione, le fotografie esposte si riferiscono a due set fotografici.
Altro materiale prodotto è oggetto di studio finalizzato alla realizzazione di una mostra di rilevante consistenza che vedrà la luce prima della fine dell’anno.
Il lavoro parte da un’analisi critica sulla storia del ritratto fotografico del Novecento fino a giungere ai nostri giorni.
Analisi storica, sociale e stilistica attraverso la lettura d’immagini d’autori che per la loro produzione hanno caratterizzato l’evoluzione del ritratto nel “secolo breve.”
Quindi non un approccio formale di sola tecnica, ma sistemico, atto a produrre un percorso formativo critico quanto più ampio e approfondito possibile.
Il logico e conseguente approdo è stato quello di realizzare dei set fotografici nei quali produrre immagini con libere reinterpretazioni degli stilemi caratterizzanti le produzioni ritrattistiche maggiormente rilevanti del Novecento.
A molti studenti è stato chiesto il perché scegliere nell’ambito della fotografia l’indirizzo del fotografo ritrattista.
Molte sono state le risposte, facile guadagno, possibilità di conoscere persone, curiosità sull’intimità o presunta complicità che si crea tra il fotografo e il modello; ma sicuramente la risposta che più ci ha fatto riflettere è stata quella costituita da un’altra domanda:
“Quale altra professione conoscete che dia tanta felicità a un numero così grande di persone?”
È una frase sulla quale oggi tutti noi doverosamente dovremmo cominciare a meditare.

Gabriele Agostini

Autori

Andrea Antonini, Alessandra Aragona, Claudia Colella, Antonio Conte, Cristina Luciani, Nour Melehi, Sibilla Mercuri, Antonia Mosca, Giuseppe Vitale.

Annunci